“Mamma non voglio andare a teatro!”, ma chi ha detto che i musical, le commedie e le tragedie siano spettacoli solo per adulti? Sfatiamo questo mito grazie alla seconda edizione de “La fine della fine del mondo”, il Festival di Teatro per le nuove generazioni, in programma, dal 23 al 25 settembre e dal 30 settembre al 02 ottobre 2022 al Teatro di Rifredi. L’iniziativa, a cura di inQuanto teatro, è realizzata grazie al contributo di CR Firenze. Si ringrazia Fondazione Teatro della Toscana.

“La fine della fine del mondo” è un progetto immaginato e progettato, per la prima volta, durante i mesi più difficili dell’Emergenza sanitaria e torna oggi in versione raddoppiata: due fine settimana all’insegna di spettacoli, dialoghi e laboratori rivolti a bambini e famiglie, ma anche a studenti e amanti delle arti performative. L’obiettivo? Incontrarsi dal vivo, a teatro, per raccogliere idee, immagini e parole. Legata agli spettacoli programmati, ci sarà anche una proposta di laboratori ed esperienze didattiche gratuite, dedicata a bambini e famiglie. Prima di entrare nel vivo della programmazione, sappiate che tutti i giorni nei giardini del Teatro di Rifredi, alle ore 18:30, Daniele Bonaiuti e Luca Scarlini presenteranno “Simpiosi Pop”, uno spettacolo/aperitivo per circa 30 spettatori in cui si intrecciano narrazione, discussione e convivialità (tout public).

 

IL PROGRAMMA

 

Il primo fine settimana: dal 23 al 25 settembre 2022

Si parte venerdì 23, negli spazi esterni del Teatro di Rifredi, con una performance gratuita per bambini (età 6+) e famiglie: alle ore 17.30, Michela Lusa presenterà “Nuovi mondi – le mie trisavole impertinenti” di Matilde Piran, il racconto di un gruppo di donne che hanno sfidato i loro tempi, da Mary Shelley a Margherita Hack. Nella medesima giornata, alle ore 21:00, le autrici e attrici fiorentine Elisa Vitiello e Sofia Busia presenteranno “Malanime”: un’indagine sul mostruoso femminile, uno spettacolo sulla vita sensazionale di una manciata di donne criminali (età 14+). Il festival continua sabato 24, alle ore 21:00, con l’anteprima di “CartaSìa”, spettacolo immaginifico di cui i desideri e le paure di un artista prendono corpo e vita, nato dal sodalizio di Drogheria Rebelot e Bibo teatro (età 6+). Domenica 25, infine, il programma si fa denso di iniziative: alle ore 16:30, Matteo Marchesi / Zebra Cultural Zoo presenterà “Bob”, uno spettacolo nato in due anni di ricerca con gruppi di bambini sull’immaginario mostruoso (età 8+); alle ore 21.00, Ava Hangar, artista reduce dal successo di “Drag Race Italia” presenterà il suo spettacolo “Tender”, una riflessione in Drag sulla difficoltà di dare forma ai sogni, un momento di educazione relazionale per adulti e adolescenti.

 

Il secondo fine settimana: dal 30 settembre al 02 ottobre 2022

Si parte giovedì 30, alle ore 21:00, con “Volo di L” di Angela Burico, una partitura onirica e sonora ispirata a “Il Volo Oceanico” di Bertold Brecht (età 10 +). Sabato 01, alle ore 21.00, si terrà invece “Canterbury” di Tonio De Nitto e Factory Compagnia Transadriatica, un’incarnazione femminile particolarmente potente del celebre racconto (età 6+). Il festival si chiude domenica 02, alle ore 16.30, con “Hamelin”, sempre di Tonio De Nitto e Factory: una rilettura della leggenda del pifferaio che si trasforma in una potente riflessione sul ruolo dell’arte oggi, un incantesimo lanciato su adulti e bambini (età 5 +).

 

Di: Ginevra Poli