Scandicci Open City 2022, il fantastico quotidiano

 

Dal 15 giugno al 25 settembre oltre 130 eventi in trenta location sparse in tutto il territorio, con il
coinvolgimento di 23 diverse realtà culturali. Musica, danza, poesia, teatro, cinema, performance, conferenze, talk show, circo contemporaneo e incontri.

Tra le iniziative in evidenza: gli omaggi a Dino Campana nei 90 anni dalla sua morte,
i 125 anni di Humanitas, il Festival di danza contemporanea Nutida, la prima edizione del Cinema sotto
le stelle nell’arena estiva del Pomario del Castello dell’Acciaiolo, il Festival Sussulti Metropolitani, il
Farms Festival nelle fattorie, gli appuntamenti al fresco del Parco di Poggio Valicaia, il teatro per
bambini, il Festival Economia e Spiritualità, lo spettacolo dedicato alle donne della Resistenza Italiana e
gli spettacoli al carcere di Sollicciano, la presentazione del nuovo disco di Andrea Chimenti. Tanti progetti nei quartieri.

Programma completo su www.scandicciopencity.it

 

Firenze, 14 giugno 2022 – Una comunità, un territorio, una città in cui “Il fantastico quotidiano” – questo il titolo dell’edizione 2022 di Scandicci Open City – riprende il suo posto e genera relazioni, ispirazione,
socialità e aggregazione.

Scandicci Open City è il cartellone dei Festival e degli eventi culturali finanziati dal Comune di Scandicci, a cui si aggiunge il sostegno di Unicoop Firenze e Publiacqua. Il programma prende il via mercoledì 15 giugno e – fino al 25 settembre – ospiterà 130 eventi in trenta location sparse in tutto il territorio, con il
coinvolgimento di 23 diverse realtà culturali.

Niente è come come appare, cantava Battiato. A questa idea tesa a vedere oltre ciò che sembra evidente, a guardare alla vita con occhi sempre nuovi, è dedicata questa edizione di Scandicci Open City che mette l’accento sulla dimensione fantastica del quotidiano. Lo spettacolo dal vivo rianima con grande energia la mappa dei nostri spazi, in una forma che non dimentica le edizioni speciali 2020 e 2021, anzi le consolida e le definisce secondo una nuova grammatica della socialità in cui artisti, pubblico e luoghi si relazionano in maniera sempre più forte e coesa. Protagonisti del cartellone sono le compagnie e le associazioni culturali che hanno confermato di voler essere a Scandicci con progetti importanti, investendo fortemente nella relazione con il Comune, portando anche risorse proprie sul nostro territorio e per questo li ringrazio di cuore" – dichiara Claudia Sereni Assessora alla
Cultura del Comune di Scandicci.

“Tanti eventi, più di centotrenta, che pongono Scandicci al centro delle iniziative culturali della nostra Regione. Lo scorso anno eravamo ancora tutti con le mascherine e dicevamo, è il segno di una piccola ripartenza, ora questo evento è davvero il segno di una ripartenza con tanti eventi, il ritorno alla socialità. Un programma culturale di altissimo livello, e per questo consentitemi di ringraziare l’amministrazione comunale di Scandicci, il collega in Consiglio regionale Fausto Merlotti, ma anche Unicoop Firenze e il carcere di Sollicciano. Si tratta di un’intera comunità che si rimette in moto, ma vorrei lanciare un messaggio alle cittadine e ai cittadini della Toscana, siamo in una fase di ripartenza, stiamo abbandonando anche al chiuso l’uso delle mascherine, lo facciamo con gradualità, io però vi chiedo massima prudenza ancora. Purtroppo ci sono tanti casi di positività e il virus è ancora
tra noi. Per questo serve un impegno comune per vivere al meglio questi momenti culturali usando sempre grande prudenza” – ha dichiarato Antonio Mazzeo, Presidente del Consiglio regionale.

Open City 2022 è la straordinaria possibilità di tornare a incontrarsi finalmente con le cittadine e i cittadini ed è l’importante opportunità che l’amministrazione comunale offre all’interno dell’estate scandiccese. Io sono convinto che la proposta culturale dell’amministrazione incontrerà il favore di molti toscani, anche per la facilità di raggiungere alcuni luoghi delle iniziative offerta dalla tramvia, penso ad esempio al Castello dell’Acciaiolo. Sarà l’occasione per i fiorentini, e non solo, di poter usufruire di questa offerta culturale molto ampia e variegata, con più di centotrenta eventi che interesseranno tutto il territorio, dalle colline al centro città. E’ fondamentale anche il coinvolgimento delle aziende e degli sponsor che contribuiscono in maniera importante per dare l’opportunità all’amministrazione di un’offerta culturale diversificata per ogni gusto, dal teatro impegnato alla musica classica, fino a quella contemporanea e al teatro in vernacolo. Sono davvero contento di questa offerta e sono convinto che
avrà una grande partecipazione popolare; – afferma Fausto Merlotti, consigliere regionale.

“La promozione della cultura e della socialità è parte integrante delle finalità della nostra cooperativa – spiega Claudio Vanni, responsabile relazioni esterne di Unicoop Firenze – e il punto di partenza è nel nostro statuto, che esprime l’obiettivo di rendere più accessibile a tutti la cultura nelle sue varie forme. La collaborazione con il Comune di Scandicci e il sostegno al programma di Open City, si rinnova anche per il 2022 per garantire ad un territorio per noi importante come quello di Scandicci e ai suoi cittadini occasioni di incontrarsi e vivere l’estate insieme. Invitiamo i nostri soci a frequentare la manifestazione che propone eventi a base di musica, danza, poesia, teatro, cinema, performance, conferenze, talk show, circo contemporaneo e incontri”.

 

IL PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE DI QUESTA EDIZIONE

 

Il Calendario prende il via il 15 giugno con un'importante ricorrenza, e cioè il 125° anniversario dalla costituzione di Humanitas Scandicci. All'Auditorium Rogers, al Piazzale della Resistenza – fino al 19 giugno – momenti di intrattenimento, musica dal vivo e incontri a tema. Tra gli ospiti Wikipedro, Paolo Ruffini e Andrea Agresti. Una mostra fotografica e virtuale racconterà il suo forte legame con la comunità e con il territorio che, nelle varie fasi storiche, ha visto tantissimi cittadini-volontari sostenere attivamente la crescita di questa organizzazione.

 

IL PARCO E IL POMARIO DEL CASTELLO DELL’ACCIAIOLO

 

A partire dal 23 giugno Nutida nuovə danzatrici/ori – Festival di danza contemporanea con la direzione
artistica di Cristina Bozzolini, porta nel giardino del Pomario del Castello dell’Acciaiolo un programma
ispirato alla relazione con il luogo e ai suoi abitanti, sostenendo nuove generazioni di danzatori, accogliendo spettacoli site specific pensati o riadattati in forma “nuda”. In un giardino, all’aperto d’estate all’ora del tramonto spettacoli in prima assoluta e nazionale con le migliori compagnie di danza italiane e straniere. Tra gli ospiti Aterballetto, Fabbrica Europa, NBDT, Compagnia Simona Bucci, Spellboud, Sosta Palmizi, Artemis Danza, Balletto di Parma, Giardino Chiuso, Ersiliadanza (23, 25, dal 26 al 29 giugno. Dal 2 al 6, 8, 9 e 10, dal 12 al 20 luglio). Il Festival è curato dall’associazione Stazione Utopia che, nei giorni immediatamente prcedenti proporrà una tre giorni alle pratiche di yoga (18,19,20 giugno).

Sempre all’Acciaiolo l’Accademia Musicale di Firenze propone cinque imperdibili eventi di musica e teatro: il mix di musica/teatro/talk show di Benedetto Ferrara, la lettura “innamorata” e ironica di Dante con Gianmaria Vassallo, le canzoni di Piero Ciampi con Chiara Riondino e Alessia Arena, il Jazz del grande fisarmonicista Gianni Coscia con la cantattrice Anna Maria Castelli, il racconto in musica della canzone napoletana di Enzo Carro (28,29 giugno e 11,13,14 luglio).

Eretici è un libro di Tomaso Montanari, dove l’autore racconta alcuni degli “eretici” che hanno attraversato la Storia in una lettura molto particolare, per costruire anticorpi contro il più pericoloso virus in circolazione: il pensiero unico. Eretici ora, è anche uno spettacolo teatrale che nel programma di Scandicci Open City 2022 viene proposto da Lo Stanzone delle Apparizioni. Sul palco, oltre allo stesso Montanari Daniela Morozzi e Stefano “Cocco” Cantini (21 giugno).

L’Unione fa cultura è il progetto di Auser Scandicci, che, insieme ad altre due realtà della comunità, ossià
sez. soci Coop Scandicci e SPI CGIL Scandicci, intende portare intrattenimento culturale attraverso due
spettacoli teatrali della compagnia Maldestro: il primo ispirato a Don Lorenzo Milani e il secondo liberamente tratto dalla trilogia della villeggiatura di Goldoni (22 giugno e 19 luglio).

Al Parco dell’Acciaiolo fa tappa anche quest’anno il Festival Economia Spiritualità. Il 6 luglio è in programma “Dono e Perdono Viaggiare leggeri” – seminario esperienziale a cura dell’associazione TuttoèVita, diretto da Padre Guidalberto Bormolini. Il 16 luglio l’incontro “La Rivoluzione spirituale e il sogno di una nuova umanità”, ospite lo scrittore e sceneggiatore Folco Terzani, in dialogo con Padre Guidalberto Bormolini (religioso, antropologo, scrittore) su valori e ideali, sogni e speranze, per costruire insieme il sogno di un mondo migliore. Conclusione con spettacolo musicale sul perdono a cura degli Armonici, con letture a cura del poeta Massimiliano Bardotti.

Momento clou della programmazione in questa location sarà la prima edizione del Cinema sotto le stelle nell’arena estiva del Pomario dell’Acciaiolo. A partire dal 21 luglio il cinema estivo di Scandicci proporrà 3 settimane di programmazione. Ogni sera ospiti del mondo cinematografico che dialogheranno col pubblico, ogni proiezione sarà introdotta da un esperto/a di cinema o in collaborazione con associazioni/enti territoriali.

Tra i vari soggetti coinvolti La Biblioteca di Scandicci, Ètico impresa sociale srl, UniCoop Firenze e Murmuris. L’azienda Savino Del Bene è sponsor del progetto (21,22,24,25,26,27,28,31 luglio e 1,2,3,4,7,8,9,10 agosto).

A settembre, e più precisamente il 3, Drum Circle proporrà Scandicci risuona: evento conclusivo di un
percorso di incontri di sensibilizzazione alla musica ed in particolare alle percussioni, realizzato in
collaborazione con le associazioni del territorio, per formare un grande Drum Circle di comunità, in
collaborazione con le scuole cittadine.

In questo mese anche l’ormai consueta tappa scandiccese di Cirk Fantastik!, che ogni anno propone
compagnie di circo contemporaneo per un pubblico dinamico, poliedrico e da zero a 100 anni! Protagonista, il 3 e il 4 settembre, la compagnia Dromosofista con Historieta de un abrazo e Antipodi, spettacoli poetici e pieni di magia, che intrecciano musica dal vivo, giochi di ombre, manipolazione di oggetti e teatro fisico.

 

IL PARCO DI POGGIO VALICAIA

 

“L’estate per tutti al fresco del verde ombroso di Poggio Valicaia” è il motto dell’associazione Green Philosophy, che qui organizza il Germogli Festival & Sdraiv in – il cinema nel bosco.

Spettacoli di qualità, film con cene a tema, concerti, laboratori, ed un mercatino per scambiarsi libri, abiti e giochi per dare a questi oggetti una nuova vita in una visione virtuosa e circolare dell’economia. Consiag è sponsor del progetto (1,2,3,22,23,24 luglio e 26,27,28 agosto e 2,3,4 settembre).

Anche quest’anno torna Mascarà Teatro popolare d’arte con le sue “Fiabe Jazz”: un format/spettacolo di
teatro e musica che trasporta bambini e adulti nel mondo della fantasia. Partendo da un palco semi vuoto due attori e un musicista faranno rivivere attraverso situazioni comiche esilaranti le celebri fiabe: I Musicanti di Brema e I vestiti nuovi dell’Imperatore (26 giugno e 11 settembre).

In agosto, e più precisamente dal 19 al 21, l’Accademia dei Perseveranti propone il Festival “Sussulti Metropolitani”: tre giorni di spettacoli di prosa, teatro musicale e attività per bambini e famiglie. Tra gli ospiti Emiliano Buttaroni, Alessandro Paci, Diletta Oculisti, Antonio Petrocelli. Consiag è sponsor del progetto.

 

COLLINE SCANDICCESI

 

La Proloco San Vincenzo a Torri torna con PievInMusica” (26 giugno e 18,25 settembre) e “It’s Jazz Time” (2,9,16 luglio) concerti nelle pievi e nelle strutture ricettive delle colline scandiccesi, mentre al Circolo ricreativo Bella Ciao Fratelli Mariotti di Giogoli va in scena “Maledetti Toscani”. Alessandro Calonaci, con la sua versatilità, sa dare voce ai vari registri narrativi che si alternano nel libro di Malaparte. Sullo sfondo la splendida veduta sulle colline e sul panorama di Firenze (8 luglio).

Novità di questa edizione di Scandicci Open City è il Farms Festival proposto da La Scena Muta. In tre
diverse location – Circular Farm, Fattoria di Roncigliano, Orti della Diversità – una tre giorni di spettacoli, escursioni, degustazioni e cene alla scoperta del territorio collinare e periurbano scandiccese.

L’ambizione è quella di diventare il Festival delle aziende agricole slow dei Colli Fiorentini, da Scandicci andando lungo l’Arno verso il mare per promuovere un approccio sociale ai temi dell’agro-alimentare “green”, del turismo “slow” e della cultura popolare contemporanea locale e dal mondo. Tra gli Peppe Voltarelli e gli ucraini Hudaki Village Band (26 agosto – 3-10 settembre).

 

CIRCOLO ARCI CASA DEL POPOLO VITTORIO MASIANI

 

La programmazione al Circolo Arci Casa del Popolo Vittorio Masiani, prende il via il 19 giugno. Qui Officina dei Sogni propone TeatrOfficina. Il teatro per bambini, con i bambini. La rassegna è un fantasioso luogo di incontro tra grandi e piccini per vitalizzare e qualificare spazi alternativi del territorio cittadino. I piccoli attori saranno al centro di questa esperienza artistica, da protagonisti e spettatori attivi. Ogni sera, uno spettacolo messo in scena dai bambini dei laboratori teatrali, l’aperitivo teatrale, e alle 21.30 uno spettacolo a cura di Officina dei Sogni (19,20,21,28 giugno e 1 luglio).

Non mancherà anche quest’anno la Rassegna teatrale in vernacolo a cura del Circolo Arci. Il progetto giunge alla XXIV edizione e ospita 5 compagnie teatrali del territorio per offrire momenti di socialità alla cittadinanza (22, 29 giugno e 6, 13, 20 luglio).

Sempre al circolo Arci Vittorio Masiani “Eppure era bella la sera”. L’Associazione Metropopolare, in concomitanza con l’Anniversario della Liberazione di Scandicci, una serata dedicata ai temi della Resistenza e della Liberazione. Le due attrici Livia Gionfrida e Giulia Aiazzi, accompagnate da canti e musiche della tradizione partigiana eseguiti dal vivo, danno voce alle vicende delle donne della Resistenza Italiana – staffette, fattorine, infermiere, vivandaie e combattenti – e al valore sociale e politico che ebbero in quel frangente storico (31 luglio).

Chiude la programmazione alla sopracitata Casa del Popolo Social Arts Factory con Note d’Estate.
Da un parte il concerto “Omaggio a Morricone”, dell’Ensemble Terzo Tempo, guidata da Massimo Barsotti, in un progetto arricchito di arrangiamenti e contaminazioni. Dall’altra I grandi classici dello swing che rivivono nei suoni di OsmannGold, orchestra capace di restituire le atmosfere delle big band tradizionali in un viaggio negli anni Trenta e Quaranta (19 luglio – 2 settembre).

 

PIANA DI SETTIMO

 

“Parole in fiamme – Le mie lettere sono fatte per essere bruciate” è il titolo della performance itinerante di Gogmagog, dedicata al poeta Dino Campana, a 90 anni dalla morte, e a Carmelo Bene, a 20 anni dalla
scomparsa. Un’auto gira per la città diffondendo la Carmen di Bizet, si ferma in 4 luoghi dove vengono
trasmessi alcuni dei “Canti Orfici” recitati da Carmelo Bene, poi sulle note dell’aria Habanera, va in scena la performance di Gogmagog (23 luglio).

Alla proloco di Badia a Settimo Gianluigi Tosto, Duccio Barlucchi e Angela Torriani Evangelisti portano in scena un’altra performance. Un racconto a più voci e più linguaggi – teatro, musica, danza, immagini – per conoscere Dino Campana, la sua avventurosa biografia, la sua immaginifica poesia “europea, musicale, colorita”, ma soprattutto la sua modernità. L’autore dei Canti Orfici ci porterà nel suo mondo accompagnato da musiche emozionanti e impensabilmente pertinenti con la sua vicenda biografica e poetica.

Altro imperdibile omaggio a Dino Campana è quello di Li.Be Libera Bellezza, intitolato “Noi qui dentro si vive in un lungo letargo”. Un evento che si presenta con una domanda: cosa lega poetesse e poeti, matte e detenuti? Una vita alla periferia della società, uno sguardo spietato sul e dal mondo.

“Noi qui dentro si vive in un lungo letargo” è un progetto poetico ed è articolato in due fasi: tre passeggiate poetiche nei luoghi campaniani di Badia a Settimo, in cui spettatrici e spettatori saranno accompagnati da un poeta e invitatati a scrivere versi e pensieri (31 agosto e 1,6 settembre): un evento finale al Giardino degli incontri di Solliccitano in cui dialogheranno musica e poesia (9 settembre).

Alla Fiorita Tennis Club NEM nuovi eventi musicali torna con Open Ring 3 a edizione. In programma tre
appuntamenti: una matinée creativa dedicata ai bambini dei centri estivi (data da definire), una serata
classica del progetto “Vie Nuove” (ispirato al celebre scritto di Robert Schumann) con musiche di Beethoven e Brahms a cura dei migliori allievi della Masterclass del Maestro Matteo Fossi (10 settembre).

Chiusura l’11 settembre con l’atteso concerto di Andrea Chimenti che presenta in prima assoluta per la
Toscana del suo nuovo album.

Chiude il programma il Controradio Club con il Talk show “Si fa d’estate”. Nel Giardino degli incontri del
carcere di Sollicciano l’associazione Controradio Club e Controradio presentano il talk show “Si fa d’estate a Sollicciano!”, un format sperimentato con il tour nei teatri di Firenze nel 2019 e nell’estate 2021 al Pomario del Castello dell’Acciaiolo a Scandicci e nel carcere di Sollicciano.

Daniela Morozzi e Raffaele Palumbo in una trasmissione dal vivo per provare ad immaginare il nostro futuro con ospiti eccellenti, tra comicità, musica, letture e interviste. Sono sponsor del progetto Cso e Arval (Data da definire a settembre).