Yuri Kuper, Sfumato a cura dalla critica d’arte Inna Khegay

Sei in: ://Yuri Kuper, Sfumato a cura dalla critica d’arte Inna Khegay

6– 29 marzo 2020

INFORMAZIONI

Indirizzo: Sala Esposizioni Accademia delle Arti del Disegno via Ricasoli 68, Firenze
Orario: martedì-sabato 10-13 e 17-19 | domenica 10-13 | lunedì chiuso
Prezzo: Ingresso gratuito

CONTATTI

S’intitola Sfumato la mostra curata dalla gallerista e critica d’arte Inna Khegay che inaugurerà presso la Sala delle Esposizioni all’Accademia delle Arti del Disegno il prossimo 6 marzo, promossa dalla stessa Accademia insieme con l’Associazione Amici del Museo Ermitage (Italia) e la Regents Art Foundation e sostenuta dall’Ambasciata della Federazione Russa presso la Santa Sede, dall’Accademia russa di Belle Arti di San Pietroburgo e dalla Fondazione russa per la cultura.
Oltre cinquanta opere, provenienti da collezioni private e dalla Galleria Patrick Cramer di Ginevra, per raccontare il linguaggio metamorfico dell’arte, per cui è possibile liberare la magia di qualcosa che non ne possiede dall’origine. Un pennello, un tubo, un vaso da fiori, nelle mani “artigiane” di Kuper gli oggetti, così ogni esperienza, arriva a sincretizzare presente e passato, estetica e funzione, per un risultato finale di grande impatto ipnotico.
“La personalità artistica di Yuri Kuper attraverso questa mostra a lui dedicata – sottolinea Cristina Acidini, presidente dell’Accademia – si conferma tra le più interessanti dello scenario internazionale, per quel suo continuo lavoro di mediazione fra i movimenti creativi della sua formazione e della sua maturità, da un lato, e la sua originalità filosofica prima ancora che tecnica dall’altro”. “Da artista che ha visto il mondo – prosegue – e in esso vive pianamente, Kuper ha forgiato un linguaggio universale che parla a tutti, con potenza arcaica e insieme fascino contemporaneo”.
Difficile resistere alla tentazione di spiegare la complessa parabola dei nostri tempi, i mutamenti globali che hanno investito l’umanità, perciò il maestro fruga nelle tasche del quotidiano e ne eviscera simboli – testi sacri e luoghi di culto in primis – materiali, speranze, ricordi, volti, li mette al riparo dalla banalizzazione e dall’impoverimento di significato. Con magistrale capacità di composizione e l’utilizzo di tecniche miste, tra cui acrilico e collage, li traspone su tela o carta, ma anche su litografie rifinite a mano come la serie dedicata al Lago dei Cigni. Delle Metamorfosi, lo spettacolo diretto dal premio Oscar Nikita Michalkov, ispirato ai racconti di Chekhov e Bunin e di cui Kuper cura le scenografie tra il 2016 e il 2019, potremo invece osservare la raffinatezza delle riproduzioni su carta con innesti di foto e collage.
Proprio al regista russo, cui l’artista è legato da una lunga e profonda amicizia, la mostra riserva la parte finale del percorso: una videoinstallazione proietterà un breve filmato tratto dalla mise en scene di Metamorfosi, un tema ricorrente nelle opere di Michalkov e nella produzione pittorica di Yuri Kuper. Su tutti i lavori esposti, il velo plastico della rarefazione, quell’effetto di “sfumato” che Kuper mutua dai grandi artisti del passato e a cui torna con lo sguardo in una mostra evento nella città d’arte per antonomasia. Fino al 29 marzo.

Yuri Kuper

Nato nel 1940 a Mosca, in Russia, ha continuato a studiare all’Accademia d’arte di Mosca dal 1957 al 1963 prima di emigrare in Israele, stabilendosi infine a Londra nel 1972. Kuper ha esposto con la Serge Sorokko Gallery di San Francisco, la Kournikova Gallery di Mosca e la Galerie Patrice Trigano di Parigi, tra gli altri. Vive e lavora tra Normandia, Francia, New York, New York e Mosca, Russia. Grafico, pittore, scultore, scenografo teatrale e per il cinema, autore di progetti architettonici, scrittore. Yuri Kuper è “cittadino del mondo”: cosmopolita per stile di vita, grazie alla propria arte rivela al mondo il codice culturale dell’identità russa. Negli ultimi anni, raggiunta la pienezza artistica e umana, è tornato a Mosca, la sua patria, “la città dei tubi di scolo”.

2020-03-11T14:49:28+00:00 Categorie: Arte|Tags: , , , |

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

informacitta.net