«Natura collecta, Natura exhibita» Il collezionismo naturalistico a Firenze dai Medici al Museo di Storia Naturale

Sei in: ://«Natura collecta, Natura exhibita» Il collezionismo naturalistico a Firenze dai Medici al Museo di Storia Naturale

dal 10 dicembre 2019 fino al 31 dicembre 2020

INFORMAZIONI

Indirizzo: Salone Donatello - Basilica di San Lorenzo Piazza San Lorenzo, 9 Firenze
Orario: lunedì-sabato ore 10 – 17

CONTATTI

Oltre cento pezzi straordinari, ognuno dei quali racconta una storia particolare, una conoscenza nuova dell’uomo e della natura. E tutti insieme narrano un’altra storia, quella del collezionismo scientifico dal tempo dei Medici ai giorni nostri.

E’ questo l’invito che rivolge ai visitatori il percorso espositivo “Natura collecta, Natura exhibita“, realizzato nel Salone Donatello della Basilica di San Lorenzo. L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra l’Università di Firenze, l’Opera Medicea Laurenziana e la Parrocchia di San Lorenzo ed è stata promossa in concomitanza della chiusura temporanea per lavori del Museo “La Specola”.

Il percorso permette di ricostruire, da un lato, in un luogo emblematico come San Lorenzo, le vaste dimensioni della committenza medicea; dall’altro rilancia il visitatore alla scoperta delle meraviglie naturalistiche e scientifiche che ancora oggi il Museo di Storia Naturale dell’Ateneo contribuisce a conservare e raccontare.

Natura collecta, Natura exhibita” offre una selezione significativa di reperti del ricchissimo patrimonio conservato dal Sistema Museale di Ateneo: dalla coppa di quarzo diaspro che porta incise le iniziali LAURMED (Lorenzo de Medici), al mantello di penne di Ibris rubra indossato dai sacerdoti del culto del dio Sole della popolazione precolombiana dei Tupinamba donato alla famiglia Medici; dalla coppia di scimmie leonine – raccolte da Giuseppe Raddi in Brasile nel 1817, inviato dal Granduca al seguito della principessa Leopoldina d’Asburgo, promessa sposa del principe ereditario Don Pedro di Braganza -, alle grandi tele ad olio di Bartolomeo Bimbi che raffigurano fiori e frutti, documentazione dell’affascinante connubio di arte e scienza di cui è stata testimone Firenze. Un’ampia sezione del percorso è dedicata alle famosissime cere de “La Specola”. Oltre a quelle anatomiche, sono esposte anche alcune pregiate cere botaniche. Alcune delle cere e dei tessuti esposti sono stati restaurati col contributo di Fondazione CR Firenze che si è anche impegnata nel sostenere i lavori di riqualificazione degli altri sotterranei della Basilica per renderli fruibili al pubblico.

Uno spazio speciale è dedicato alla figura del Beato Niccolò Stenone, vescovo e scienziato sepolto a San Lorenzo, le cui collezioni sono conservate dal Sistema Museale di Ateneo.

Le immagini di Natura Collecta, Natura exhibita:

– la coppa in diaspro della collezione di Lorenzo il Magnifico

– un particolare delle cere anatomiche

– una conchiglia di Nautilus montata su saliera (1550-1560)

– ornamento della popolazione Yanomami – Penne di Ara (Amazzonia Brasiliana XX secolo)

 

Tutti i sabati, alle ore 15 e alle ore 16, il Sistema Museale organizza visite guidate al percorso espositivo. La durata della visita è di circa 45 minuti. | Il costo della visita guidata è di 3€ a persona, da aggiungere al costo del biglietto di ingresso. La prenotazione non è obbligatoria ma consigliata.

Altre informazioni su www.naturacollecta.unifi.it

2020-03-28T11:53:15+00:00 Categorie: Arte|

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

informacitta.net