BOTTA E RISPOSTA CON TOMMASO SACCHI Ass. alla Cultura del Comune di Firenze

Sei in: :/, Z-Evidenza/BOTTA E RISPOSTA CON TOMMASO SACCHI Ass. alla Cultura del Comune di Firenze

INFORMAZIONI

CONTATTI

Tommaso Sacchi è l’Assessore alla Cultura di Firenze e nel giro di pochi mesi ha reso la nostra città la prima in Europa per creatività e vivacità culturale, come emerge dalla Commissione Europea.

Come immagini Firenze tra 10 anni? Hai un modello a cui ti ispiri?

Immagino Firenze come una città che si evolve ma non perde il rapporto con le sue radici. Che trae valore e forza dalle rivoluzioni dei secoli passati e tra 10 anni diventerà, grazie al suo patrimonio, la capitale della cultura europea. Stiamo lavorando per realizzare tutto ciò. Ci sarà un giorno in cui per Firenze l’importanza della sua storia passata e la sua storia attuale saranno sullo stesso piano.

Le città a cui guardo sono Marsiglia e, naturalmente, Berlino. Ho vissuto a Marsiglia per qualche mese e ho avuto modo di conoscere una città cosmopolita che ha fatto tesoro dei grandi eventi realizzati come capitale europea della cultura, creando nuovi spazi museali, come il Muceum o a Ville Méditerranée. Berlino è una metropoli in cui il servizio culturale non è mai banale e, dopo a caduta del muro, è riuscita a reinventare nuovi spazi per dare espressione alla cultura contemporanea.

Qual è il settore, che, come amministratore tra arte, cinema, teatro, musica è quello che ha bisogno di più attenzione da parte delle istituzioni?

Tutti i settori hanno bisogno di attenzioni, presenza e studio per intercettare quelle traiettorie che provengono dagli operatori culturali della città, che ascolto sempre a 360 gradi. Firenze nel teatro e nelle arti performative, grazie al Teatro della Toscana, potrà davvero dare tanto anche a livello internazionale. La mia visione della Pergola, per esempio, è quella di una presenza autorevole generatrice di nuove proposte capace di ospitare culture da tutto il mondo, come ha fatto di recente in apertura di stagione con lo spettacolo di  Mary Said What She Said di Robert Wilson e Isabelle Huppert. Esperimento che sta portando la Pergola al Théâtre de la Ville di Parigi proprio per sperimentare nuove collaborazioni internazionali.

Qual è l’ambito che ti è più congeniale?

Apprezzo tutte le forme di arte e sono innamorato del lavoro che svolgo.

A Firenze c’è un nuovo Rinascimento che interessa le arti visive. Abbiamo fatto tesoro della lezione degli street artists del mondo per creare e raffinare un nuovo linguaggio artistico, che sta prendendo sempre più campo, anche a livello internazionale. Basta pensare a Clet o a Blub che sono sbarcati al Louvre. Com’è che ci facciamo scappare l’occasione di celebrare questi artisti in patria, che spesso vengono anche tacciati di vandalismo?

Personalmente seguo sono appassionato di street art da sempre. E anche Firenze si sta aprendo a questa forma di espressione artistica. Penso al sostegno dato dall’amministrazione per realizzare il murales di Jorit che rappresenta Nelson Mandela in piazza Leopolda o l’istallazione di un muro all’interno Palazzo Strozzi su cui era raffigurato Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa, per mano di Lediesis (di cui, tra l’altro sono un grande estimatore). Tra l’altro, siccome l’anno prossimo sarà l’anno dedicato a Dante, a breve uscirà un bando per realizzare un’opera di street art a lui dedicata.

Ci puoi anticipare qualcosa sull’Estate Fiorentina?

Stiamo impiegando idee e risorse per riaprire in grande stile la cavea, questo meraviglioso teatro all’aperto sulla città. Inoltre selezioneremo 15 grandi festival, dei veri propri contenitori di cultura, a cui garantiremo un finanziamento triennale, questo per dare un segnale di stabilità e per dare l’opportunità a chi lavora di fare progetti a lungo termine, crescere e poter operare con più serenità.

                                                                                                          – Maria Paternostro –

2020-01-31T11:00:03+00:00 Categorie: Arte, Z-Evidenza|Tags: , , |

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

informacitta.net