scritto e diretto da Alessandro Riccio
e con Gaia Nanni, Ciro Masella, Viola Panik, Mr. Punch, Vieri Raddi

La città è un labirinto di mondi. Ogni luogo ha i suoi buoni e i suoi cattivi. Equilibri sconosciuti a chi non frequenta. Perdersi in una città – oggi come oggi – è praticamente impossibile. Ma perdersi nei meandri dell’anima è un attimo. Ed è lì che si possono incontrare e vedere cose mai viste. La distorsione della realtà, la capacità di percepire il dettaglio più nascosto, la sensibilità alterata. Attenti: può accadere a tutti…

Alessandro Riccio crea un carrozzone di personaggi divertentissimi, assurdi, terribilmente simili a tutti noi, per uno spettacolo di fine anno, pieno di canzoni, musica, situazioni paradossali e surreali.

Accanto a lui la carismatica Gaia Nanni – duetto ormai affiatatissimo del teatro fiorentino –, Ciro Masella, attore di grande talento che ha lavorato al fianco con Ronconi, Tiezzi, Latini, una coppia di travolgenti ballerini di Burlesque (Viola Panik e Mr. Punch) e il giovanissimo Vieri Raddi vero e proprio filo conduttore dello spettacolo. Come in una sorta di “Alice nel paese delle meraviglie”, il giovane protagonista vede ciò che non c’è. Ma che eppure è sempre stato lì accanto a lui.