Aline Nari si serve di danza, parola, animazione grafica e giochi con diverse sorgenti luminose per coltivare il cercatore di domande, ovvero il filosofo che è in ogni bambino.