OZMO – Every wall in town tells a story

Sei in: ://OZMO – Every wall in town tells a story

fino al 3 febbraio

INFORMAZIONI

Indirizzo: Fortilizio e Torre Guelfa piazza Tersanaia | Lungarno Simonelli Pisa
Orario: 11-19
Prezzo: ingresso libero

CONTATTI

visite guidate su appuntamento scrivendo un messaggio privato qui su Facebook e contattandoci alla nostra e-mail start.oye2017@gmail.com

La mostra, curata da Gian Guido Maria Grassi e Alessandro Romanini con il progetto di allestimento dell’arch. Roberto Pasqualetti, giunge a coronamento di un ciclo di iniziative ospitate a Pisa, che hanno analizzato i vari aspetti artistici, sociologici, legali e conservativi della Street Art, con esperti italiani ed internazionali.

L’iniziativa espositiva è allo stesso tempo l’occasione per vedere lo stato evolutivo della sua poetica con i nuovi dipinti di Ozmo e ripercorrere la sua carriera di street artist grazie alla ricca documentazione fotografica e video supportata da un diffuso apparato descrittivo che saranno allestiti in mostra.

Le oltre 50 opere fra tele e foto, permetteranno allo spettatore di comprendere lo stile e l’evoluzione tecnica e formale dell’artista toscano, basata su un armonico mix fra un recupero delle fonti iconografiche “classiche” supportata da un’approfondita conoscenza storico-artistica e la forza eversiva della street art che mantiene il suo vigore nel passaggio dal muro alla tela.

La mostra sarà anche l’occasione per presentare in anteprima il compendioso catalogo antologico di Ozmo, che ripercorre anch’esso la sua prestigiosa carriera artistica attraverso un consistente nucleo di opere e interventi pubblici.

Quegli interventi in ambito urbano, che lo hanno visto protagonista nei 5 continenti, da Milano a Miami, da Londra a Varsavia, da New York a Shanghai per citarne alcuni.
La mostra pisana e il catalogo ci illustrano l’evoluzione creativa di Ozmo, dagli interventi muralisti “militanti” al Leoncavallo (definito da Vittorio Sgarbi “La Cappella Sistina della Street Art”), passando per la “conquista” dei templi dell’arte contemporanea come il Macro di Roma (che ospita anche una sua opera murale permanente) e il Museo del Novecento di Milano, fino ai recenti interventi proprio a Pisa (“Ritratto di Pi” e l’iconografico “Ritratto di Galileo”).

Una mostra che sancisce una sorta di chiusura virtuosa di un cerchio e celebrazione del 30° anniversario, che ha visto Pisa protagonista sin dall’ormai leggendario intervento di Keith Haring nel 1989,per proseguire negli anni ’90 con la convention Panico Totale evento cult dedicato alla cultura hip hop e al Graffiti writing e in tempi più recenti con altre manifestazioni come lo Start festival -Welcome to Pisa in occasione del quale sono stati già realizzati 20 murales a Porta a Mare.

Attraverso l’esperienza di Ozmo la mostra intende rendere testimonianza e prendere consapevolezza di queste esperienze che appartengono a quello che è forse il movimento globale attualmente più dirompente dell’arte contemporanea, la Street art, che ha avuto a Pisa uno dei suoi principali centri italiani ed europei.

La mostra, realizzata da Start- Open your eyes, con il contributo del Comune di Pisa e della Fondazione Pisa e la collaborazione dell’Università di Pisa, della Fondazione Palazzo Blu e del Consiglio Regionale della Toscana, sarà un’importante occasione per visitare anche gli spazi affascinanti della Cittadella che si affaccia sul Lungarno: dalla cima della torre guelfa, aperta appositamente per l’occasione, sarà possibile godere della vista più bella di tutta la città.

Sin dalle origini dell’uomo, i muri raccontano storie.
Ti aspettiamo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

informacitta.net